Tartufi di intxaursaltsa Visualizza ingrandito

Tartufi di intxaursaltsa

Nuovo prodotto

Preparati a partire dallo stesso praliné di noci che si utilizza a Natale per realizzare il torrone di Intxaursaltsa, questi tartufi ci permettono di degustare il sapore del Natale per tutto l'anno.

Maggiori dettagli

$18.09

Dettagli

La intxaursaltsa è stato un classico sulle tavole Euskadi. Il suo significato letterale è salsa di noci e, insieme alle castagne o alla conserva di frutta, è stato il dolce per eccellenza delle vigilie di Natale basche nel corso delle generazioni.

Tra gli ingredienti comuni della intxaursaltsa originale c'erano le noci schiacciate, lo zucchero, il latte (in alcuni casi mischiato con acqua) e cannella. Il tutto si cucinava per tanto tempo fino ad ottenere una crema dalla consistenza spessa che si serviva calda o, almeno, tiepida. I Bizkarra conoscevano da sempre la intxaursaltsa che si faceva a casa delle nonne materna e paterna, come parte della tradizione di famiglia.

Dopo varie prove realizzate in "laboratorio", si arriva ai tartufi intxaursaltsa, uno dei dolci più caratteristici della filosofia innovatrice di Bizkarra. Con lei, si invoca la storia, le sfumature e il sapore del prodotto dal quale ha preso il nome, e lo dimostrano i risultati delle degustazioni realizzate tra le persone che conoscevano la Intxaursaltsa originale.  Si realizza artigianalmente curando tutti i dettagli, dalla scelta degli ingredienti fino alla presentazione finale.

Per la sua realizzazione si utilizza la varietà di "noci del paese" e quando la natura lo permette, si strizza l'occhio al passato incorporando anche il raccolto dei noci di famiglia.
Per dare il caratteristico sapore dell'antico dolce si mischiano le noci tritate con il latte e lo zucchero, e si aggiunge anche del cioccolato, oltre al tocco speciale Bizkarra, che resta segreto. Con tutti gli ingredienti si ottiene un praliné di noci malleabile e si lascia riposare, una "rara avis", dato che poche elaborazioni si realizzano a partire da questo frutto. Precisamente le caratteristiche specifiche di questa materia prima sono quelle che aggiungono le difficoltà più insidiose per la realizzazione del dolce, e cioè, è quando si mischiano gli ingredienti che risulta difficile raggiungere la consistenza e il sapore desiderati.


Successivamente gli si dà la caratteristica forma rotonda del tartufo, si immerge nel cioccolato e si ricopre con glassa di zucchero.